LogoLogo

Irlanda del Nord

Questa regione del Regno Unito ha due anime, una cattolica e l'altra protestante, separate da secoli di conflitto e diverse tradizioni.
Circa il 60% della popolazione (gli Orangemen) è di religione protestante e "unionisti", cioè politicamente a favore della permanenza nel Regno Unito. La maggioranza protestante discende dai coloni inglesi e scozzesi che si stabilirono in Irlanda a partire dal 1550. Il restante 40% è di religione cattolica e politicamente "nazionalista", cioè a favore dell'inclusione nella Repubblica d'Irlanda e rappresenta la popolazione irlandese originaria.

In breve

Area: 13,843 km² -- Popolazione: circa 1,7 milioni -- Densità: 122 per km² -- Governo: Monarchia -- Capitale: Belfast -- Lingue: inglese, irlandese (Gaelico), scots (scozzese dell'Ulster) -- Religione: Protestante e Cattolica -- Moneta: Sterlina inglese -- Prefisso telefonico: +44 -- Sigla automobilistica: GB -- Suffisso internet: .uk


Irlanda del Nord

Divisione amministrativa

L'Irlanda del Nord è divisa in sei contee storiche appartenenti all'antica provincia di Ulster: Antrim, Armagh, Down, Fermanagh, Tyrone e Londonderry, che non sono più però unità amministrative. Infatti dal 1973 il territorio è stato diviso in 26 distretti, che non coincidono con le antiche contee anche quando ne conservano il nome: Antrim, Ards, Armagh, Ballymena, Ballymoney, Banbridge, Belfast, Carrickfergus, Castlereagh, Coleraine, Cookstown, Craigavon, Derry, Down, Dungannon and South Tyrone, Fermanagh, Larne, Limavady, Lisburn, Magherafelt, Moyle, Newry and Mourne, Newtownabbey, North Down, Omagh, Strabane.

La Storia

A partire dal 1968 lunghi decenni di violenza, noti come "the troubles" hanno insanguinato le strade di Belfast, fino alla terribile "Bloody Sunday", il 30 gennaio del 1972, quando l'esercito britannico uccise 13 dimostranti cattolici nella città di Derry. Il movimento indipendentista si costituì in un proprio esercito, lo I.R.A. (Irish Republican Army) e la lotta continuò con attentati, bombe ed uccisioni.

Finalmente a partire dal 1985 si cominciò a cercare un dialogo tra le due parti, e nel 1998 Sinn Fein, (l'ala politica dell'I.R.A.) firmò il Good Friday Agreement, accettando la promessa del Regno Unito finchè tale sarà la volontà della maggioranza della popolazione e ricevendo nel contempo diritti di rappresentanza e garanzie di eguali opportunità per la minoranza cattolica, e l'istituzione di organismi trans-nazionali nord-sud per garantire una cooperazione con la Repubblica d'Irlanda.

Siti UNESCO Patrimonio dell'Umanità

logo Unesco
Giant's Causeway e la Causeway Coast, situata nei pressi della costa nord-orientale dell'Irlanda del Nord, circa a 3 km a nord della cittadina di Bushmills, un'area di circa 40mila colonne di basalto create da un'eruzione vulcanica tra 30 e 40 milioni di anni fa allorchè basalto fluido, fuoriuscendo attraverso strati di calcare formò un vasto altopiano di lava la quale, raffreddandosi e contraendosi in direzione verticale, si solidificò creando fratture in direzione orizzontale e dando origine alle colonne che si possono ammirare oggi. La sommità delle colonne formano scalini che scendono dalla scogliera scomparendo nel mare. La maggior parte delle colonne è di forma esagonale ma alcune hanno quattro, cinque, sette e anche otto lati, e le più alte arrivano a 12 metri.

Dove soggiornare

Hotel consigliati e altre strutture ricettive in: Antrim | Bangor | Belfast | Enniskillen | Londonderry | Omagh | Portrush | Portstewart