LogoLogo

Cipro

bandiera CiproLa Repubblica di Cipro, ricca di un incredibile patrimonio culturale di oltre 10 millenni, è un Paese eurasiatico insulare.

L'isola si trova nel Mar Mediterraneo nord-orientale, 75 km a sud della Turchia, 105 km a ovest della Siria, 380 km a nord dell'Egitto e 380 km a est dell'isola di Rodi (appartenente alla Grecia).

È la terza isola del Mediterraneo per grandezza dopo Sicilia e Sardegna, con una lunghezza massima di 240 km da est a ovest e una larghezza massima di 100 km da nord a sud.



Cipro

Divisione amministrativa

Il Paese è diviso in sei distretti (tra parentesi i nomi greci e turchi):
  • Famagusta (Αμμόχωστος, Gazimağusa),
  • Kyrenia (Κερύvεια, Girne),
  • Larnaca (Λάρνακα, Larnaka/İskele),
  • Lemesos (Λεμεσός, Limasol/Leymosun)
  • Nicosia (Λευκωσία, Lefkoşa)
  • Paphos (Πάφος, Baf/Gazibaf)
    Altre zone territoriali sono:
  • le Basi britanniche di Dhekelia, a nord-est, e di Akrotin a sud;
  • le quattro exclavi greco-cipriote nel territorio di sovranità britannica di Dhekelia: i villaggi di Ormidhia e Xylotymvou, la centrale elettrica di Dhekelia, divisa da una strada inglese in due parti, e una zona costiera, con il villaggio di Paralimni, delimitata a ovest da Dhekelia e a nordest dalla zona cuscinetto dell'ONU;
  • la striscia cuscinetto delle Nazioni Unite, che corre lungo Dhekelia e divide l'isola longitudinalmente in due parti;
  • la piccola exclave turco-cipriota di Kokkina, situata all'interno del distretto greco-cipriota di Nicosia e circondata da un'ulteriore piccola zona cuscinetto ONU.

I Comuni

Il Paese è ulteriormente suddiviso in 33 comuni (l'asterisco indica quelli turco-ciprioti): Aglantzia, Akanthou*, Aradippou, Athienou, Ayia Napa, Ayios Athanasios, Ayios Dhometios, Dherynia, Engomi, Famagusta*, Idalion, Karavas*, Kato Polemidia, Kyrenia*, Kythrea*, Lakatamia , Lapithos*, Larnaca, Latsia, Lefkara, Lefkonikon*, Limassol, Lysi*, Mesa Yitonia, Morphou*, Nicosia, Pafos, Paralimni, Peyia, Polis Chrysochous, Strovolos, Yermasoyia, Yeroskipou.

In breve

Area: 9248 km² -- Popolazione: circa 870mila (2010) abitanti -- Densità: 117 abitanti per km² -- Governo: repubblica presidenziale -- Capitale: Nicosia (Λευκωσία) -- Lingua: greco, turco -- Religione: greco ortodossa, islamica -- Moneta: euro -- Prefisso telefonico: dall'Italia 00357 -- Prefisso telefonico: per l'Italia 0039 -- Fuso orario: UTC+2 (un'ora in più rispetto all'Italia) -- Sigla Automobilistica: CY -- Suffisso internet: .cy -- Membro di: ONU, UE, Consiglio d'Europa, Commonwealth, OCDE, ONU, OSCE

Link Utili

Sito Ufficiale del Governo del Cipro | Ambasciata italiana a Nicosia | Sito della Farnesina per Cipro | Sito dell'ICE per Cipro | Ente Nazionale per il Turismo di Cipro -- Numeri Utili: numero di emergenza unico 112 -- Vademecum per il Turista Italiano: è necessario il passaporto o la carta d'identità valida per l'espatrio.

La Popolazione

Dal 1974 Cipro è divisa de facto in due parti: la parte meridionale, circa due terzi dell'isola, sotto il controllo governativo e il rimanente terzo amministrato da turco-ciprioti. I Ciprioti greci e turchi condividono molte usanze, ma mantengono identità distinte basate su religione, lingua, e stretti legami con le rispettive "patrie": a sud si parla il greco, nel nord il turco, ed è molto diffuso l'inglese in entrambe le comunità.

Il Clima

Il clima è mediterraneo, con estati calde e secche da metà maggio a metà settembre e inverni piovosi da novembre a metà marzo, separati da brevi stagioni intermedie. La maggior parte delle precipitazioni annuali avvengono da dicembre a febbraio, con una piovosità media annua nel complesso di circa 500 millimetri. Le temperature sono alte in estate, con una media giornaliera in luglio e agosto di 29° C nella pianura centrale e di 22° C sui monti Troodos, con punte massime di 36°. Gli inverni sono miti con una temperatura media in gennaio di 10° C in pianura e 3° C per le parti alte dei monti Troodos. I venti sono generalmente deboli o moderati e variabili.

La Storia

I primi insediamenti umani su Cipro risalgono al V millennio a.C., e nel 3700 a.C. l'isola era già un crocevia commerciale tra Oriente e Occidente; fu occupata successivamente da Assiri, Egiziani, Persiani, Greci e Romani. Dal 364 d.C. per otto secoli Cipro fu parte dell'Impero Bizantino. Dopo la breve occupazione del re inglese Riccardo I (Cuor di Leone) durante le Crociate, l'isola passò sotto il controllo dei Franchi; nel 1489 fu ceduta alla Repubblica di Venezia e nel 1571 conquistata dai turchi ottomani, che consentirono alle autorità religiose di governare le proprie minoranze non musulmane. La maggior parte dei turchi che si erano insediati sull'isola durante i tre secoli di dominio ottomano rimasero a Cipro anche dopo il 1878 quando Gran Bretagna ne ottenne il controllo. L'isola fu annessa formalmente dal Regno Unito nel 1914 e divenne una colonia della Corona britannica nel 1925.

Nel 1960, dopo una campagna anti-britannica guidata dall'EOKA greco-cipriota (Εθνική Οργάνωσις Κυπρίων Αγωνιστών), un gruppo guerrigliero che chiedeva l'unione politica con la Grecia (Enosis), Cipro ottenne l'indipendenza, fondando una repubblica costituzionale ed eleggendo presidente l'Arcivescovo Makarios, leader carismatico religioso e politico. Sorsero tuttavia profonde differenze tra le due comunità circa l'attuazione e l'interpretazione della Costituzione, in particolare riguardo ai meccanismi introdotti per proteggere gli interessi turco-ciprioti. Nel novembre del 1963 il presidente Makarios avanzò una serie di emendamenti costituzionali volti ad eliminare alcune disposizioni speciali, ma i turco-ciprioti si opposero e iniziarono scontri armati. Molti ciprioti turchi e greci che vivevano in villaggi misti cominciarono a spostarsi, e nel 1964 intervennero i caschi blu dell'ONU. Nel 1968 si formò un amministrazione provvisoria turco-cipriota.

Nel luglio del 1974 la giunta militare di Atene sostenne un colpo di stato guidato da estremisti greco-ciprioti contro il presidente Makarios, per le sue presunte tendenze filo-comuniste e l'abbandono del progetto Enosis. La Turchia intervenne militarmente per proteggere i turco-ciprioti, assumendo il controllo del 38% dell'isola. Quasi tutti i greco-ciprioti fuggirono a sud, mentre i turco-ciprioti si trasferivano a nord. Dopo gli eventi del 1974, le forze di pace delle Nazioni Unite hanno mantenuto una zona cuscinetto tra le due parti. Da allora, con l'eccezione di scontri violenti nel 1996, che portarono alla morte di due manifestanti, la situazione è rimasta tranquilla.

Dal 1974, anche se l'isola è di fatto divisa, il governo della Repubblica di Cipro è l'unica autorità riconosciuta a livello internazionale; nel 1983 i turco-ciprioti dichiararono la "Repubblica turca di Cipro del Nord" ("RTCN") che è stata riconosciuta solo dalla Turchia.

Il Territorio

territorio Cipro Il territorio è dominato da due catene montuose, i Monti Troodos e la piccola catena dei Kyrenia, che delimitano la pianura centrale chiamata Mesaoria. I monti Troodos a sud e ovest coprono circa la metà dell'isola, raggiungendo i 1.952m con il Monte Olimpo. I Kyrenia si estendono lungo la costa settentrionale e raggiungono un'altezza massima di 1024 m.

Città e Luoghi d'Interesse

  • La capitale, Nicosia, è anche la città maggiore con circa 230mila abitanti
  • Altre città importanti sono Limassol, Larnaca, Famagusta, Paphos, Kyrenia e Morphou.

Siti UNESCO Patrimonio dell'Umanità

logo Unesco
  • la città di Paphos, abitata fin dal periodo neolitico, era un centro di culto di divinità della fertilità pre-elleniche e successivamente di Afrodite, nata seconda la leggenda su Cipro, per la quale i Micenei costruirono un tempio nel XII secolo a.C. Il sito comprende resti di ville, palazzi, teatri, fortezze, tombe, e i preziosi mosaici di Paphos Nea, ritenuti tra i più belli al mondo.
  • Le Chiese Dipinte nei Monti Troodos, nei distretti di Nicosia e Limassol costituiscono uno tra i maggiori complessi di chiese e monasteri dell'Impero bizantino e i loro affreschi forniscono una preziosa panoramica della pittura bizantina e post-bizantina; la lista include il monastero di San Giovanni Lampadistis a Kalopanayiotis e le nove chiese di San Nicola (Ayios Nikolaos tis Steyis) a Kakopetria, della Vergine (Panayia Phorviotissa) a Nikitari, Panayia tou Arakou (a Lagoudhera), Panayia (a Moutoullas), di San Michele Arcangelo (Archangelos Michael) a Pedhoulas, della Santa Croce (Timios Stavros) a Pelendria, Panayia Podhithou (a Galata), Stavros Ayiasmati (a Platanistasa), della Trasfigurazione (Metamorphosis tou Soteros) a Palaichori.
  • il villaggio neolitico di Choirokoitia, nel distretto di Larnaca, insediamento occupato dal VII al IV millennio a.C., solo in parte portato alla luce dagli scavi, è tra i più importanti siti preistorici del Mediterraneo orientale.

Dove soggiornare

Hotel consigliati e altre strutture ricettive in: Ayia Napa | Larnaca | Limassol | Nicosia | Paphos | Protaras

L'Economia

A causa del limitato mercato interno, l'accesso ai mercati internazionali è di estrema importanza, e per questo motivo il commercio è sempre stato uno dei principali settori dell'economia Cipro, contribuendo notevolmente alla crescita economica dell'isola; nel 2004, in base a fonti governative, le esportazioni rappresentavano circa l'8% del PIL. Nel maggio dello stesso anno Cipro ha compiuto un passo decisivo per il suo ulteriore sviluppo economico e politico entrando nell'Unione Europea, il che ha già portato ad un aumento delle esportazioni che alla fine del 2004 avevano raggiunto il 10%.