LogoLogo

Stati Uniti d'America

bandiera Stati UnitiQuando parliamo di Stati Uniti pensiamo subito alla straordinaria unione di razze, culture e religioni che ha reso questa nazione unica al mondo: gli americani, appunto, un solo popolo in un unico stato.

Sono stati i flussi migratori che si sono susseguiti nel corso dei decenni, da ogni angolo del mondo, a contribuire a costruire la nazione americana, non senza contraddizioni e difficolta'. Ed ancora oggi è viva in tutto il mondo l'idea del sogno americano, l'American dream: la possibilita' di una vita migliore da raggiungere con il coraggio, il rischio, il sacrificio. Gli Stati Uniti restano ancora oggi la "land of opportunities", una terra straordinaria che ogni anno accoglie oltre 30 milioni di visitatori da tutto il mondo.



Stati Uniti

Divisione amministrativa

Gli Stati Uniti confinano a nord con il Canada e a sud con il Messico. Gli oceani Atlantico e Pacifico bagnano le coste ad est e ad ovest, mentre le acque dell'Alaska confinano con quelle della Russia attraverso lo Stretto di Bering. I cinquanta stati che oggi costituiscono gli Stati Uniti d'America sono suddivisi in regioni (in base allo United States Census Bureau):
    Regione 1 (Northeast)
  • Divisione 1 (New England): Maine ME, New Hampshire NH, Vermont VT, Massachusetts MA, Rhode Island RI, Connecticut CT
  • Divisione 2 (Mid-Atlantic): New York NY, Pennsylvania PA, New Jersey NJ
    Regione 2 (Midwest): (prima del giugno 1984 North Central Region)
  • Divisione 3 (East North Central): Wisconsin WV, Michigan MI, Illinois IL, Indiana IN, Ohio OH
  • Divisione 4 (West North Central): Missouri MI, North Dakota ND, South Dakota SD, Nebraska NE, Kansas KS, Minnesota MO, Iowa IA
    Regione 3 (South)
  • Divisione 5 (South Atlantic): Delaware DE, Maryland MD, District of Columbia, Virginia VA, West Virginia WV, North Carolina NC, South Carolina SC, Georgia GA, Florida FL
  • Divisione 6 (East South Central): Kentucky KY, Tennessee TN, Mississippi MS, Alabama AL
  • Divisione 7 (West South Central): Oklahoma OK, Texas TX, Arkansas AR, Louisiana LA
    Regione 4 (West)
  • Divisione 8 (Mountain): Idaho ID, Montana MT, Wyoming WY, Nevada NE, Utah UT, Colorado CO, Arizona AZ, New Mexico NM
  • Divisione 9 (Pacific): Alaska AK, Washington WA, Oregon OR, California CA, Hawaii HI
Washington, nel Distretto Federale di Columbia, è la capitale della nazione. Alcune isole dell'Oceano Pacifico e dei Caraibi, tra le quali Porto Rico, sono legate agli Stati Uniti come Dipendenze.

In breve

Area: 9.372.614 km² -- Popolazione: circa 294 milioni di abitanti -- Governo: Repubblica Presidenziale Federale -- Capitale: Washington DC -- Lingua: Inglese, Spagnolo -- Religione: in maggioranza protestanti (circa 49%), seguiti da cattolici (circa 26%). Minoranze musulmana e buddista. -- Moneta: Dollaro statunitense -- Prefisso telefonico: per l'Italia 01139, dall'Italia 001 -- Stati: 50 -- Sigla: USA -- Membro di: ONU dal 1945, NATO, NAFTA

Città e Luoghi d'Interesse

Tante sono le destinazioni di interesse in territorio statunitense: New York City, l'antica Boston, Filadelfia la città dell'Indipendenza, la trendy Miami e la immaginifica Orlando in Florida, la patria del jazz New Orleans, Los Angeles e San Francisco in California, Las Vegas in Nevada, e ancora San Diego, le Isole Hawaii, i Parchi Nazionali Yosemite Park, Sequoia National Park e Yellowstone Park, la Monument Valley, le montagne Rocciose, Phoenix, Denver, Aspen, Salt Lake City, Chicago, Dallas, Houston, e tante altre destinazioni che suscitano emozioni nellimmaginario collettivo, grazie anche alle innumerevoli ricreazioni di luoghi a cui ci ha abituato la fabbrica dei sogni di Holliwood.

Il Clima

Vista l'estensione territoriale e la varieta' geografica, il clima degli Stati Uniti varia grandemente a seconda della zona. In linea di massima, si possono fornire indicazioni distinte per area geografica. Negli stati del nord-est (es: New England, Massachussets) gli inverni sono molto freddi (soprattutto nell'estremo nord), e le estati calde e secche. Nel medio atlantico (dalla Pennsylvania alla Virginia) gli inverni possono essere rigidi, ma le estati sono molto calde e umide. Negli stati del sud-est (fino alla Florida) l'inverno è abbastanza mite, mentre le estati sono calde ma più secche.

Nella zona dei "grandi laghi" del mid-west gli inverni sono lunghi, rigidi e nevosi, mentre le estati sono calde e umide. Gli stati del sud (tra i quali Georgia e Arkansas) gli inverni non sono freddi, ma le estati possono essere molto calde e afose. A sud-ovest (Texas, Arizona) le estati sono ancora più calde. Negli stati delle Montagne Rocciose, tra i quali il Colorado, gli inverni sono freddi e nevosi, e le estati non sono troppo calde. Per concludere, la California presenta un clima mite e gradevole per quasi tutto l'anno, mentre le sue aree più a nord-ovest sono molto più fredde, soprattutto d'inverno.

La Storia

La Dichiarazione d'Indipendenza del 1776 proclamata dalle tredici colonie britanniche (Connecticut, Delaware, Georgia, Maryland, Massachusetts, New Hampshire, New Jersey, New York, North Carolina, Pennsylvania, Rhode Island, South Carolina e Virginia) sanci' la costituzione degli Stati Uniti d'America. Inizialmente Confederazione, la Costituzione del 1789 modifico' la struttura politica in Governo Federale. Il territorio della nascente nazione si estese progressivamente verso il West, al prezzo di grandi e tristemente noti conflitti con le popolazioni native degli indiani. Nel corso dei decenni successivi, alcune guerre (tentativo di annessione del Canada nel 1812, guerra con il Messico nel 1848) hanno ridisegnato i confini della nazione, così come importanti furono la Guerra di Secessione del 1861 e la Grande Depressione del 1929.

L'inizio del Novecento vede l'inarrestabile affermazione degli Stati Uniti come prima potenza mondiale politica ed economica, primato condiviso solo durante il periodo della guerra fredda con l'Unione Sovietica. La Seconda Guerra Mondiale, le altre guerre successive e la frammentazione dell'impero Sovietico hanno ulteriormente rafforzato tale posizione dominante. Gli Stati Uniti contano oggi circa 300 milioni di abitanti. Secondo gli ultimi dati ufficiali, circa il 75% della popolazione è bianca, il 12,3% è nera, il 3,6% asiatica, mentre solo l'1% è di origine amerindia.

Vademecum per il turista italiano

Per quanto riguarda la documentazione per l'ingresso nel paese, è necessario il passaporto. È necessario anche il visto d'ingresso, a meno che non si viaggi esclusivamente per affari e/o per turismo, si possegga il biglietto per il ritorno, si rimanga negli USA per massimo 90 giorni. Inoltre, il visto non è necessario se si in possesso di uno dei seguenti documenti: passaporto elettronico (rilasciato a partire dal 26 ottobre 2006), passaporto a lettura ottica (rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005), passaporto con foto digitale (rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006).

In caso di dubbi, è consigliato comunque farsi rilasciare un normale visto d'ingresso dai Consolati degli Stati Uniti: in tal caso, le procedure dei controlli per l'ingresso nel paese saranno di certo facilitate. A seguito delle nuove norme sulla sicurezza, i controlli sono stati intensificati, per cui ci sono tempi un po' più lunghi e qualche difficolta' maggiore nelle operazioni in aeroporto (check-in, passaggio al metal detector etc.); inoltre, i controlli di sicurezza possono causare qualche ritardo per l'accesso ai musei e agli edifici pubblici. Per avere un quadro dettagliato e aggiornato può essere consultato il sito internet dell'Ambasciata americana, all'indirizzo http://www.travel.state.gov. È consigliabile inoltre rispettare le severe norme americane sul codice della strada (limiti di velocità, guida in stato di ebbrezza etc.). Sarebbe utile, inoltre, procurarsi una traduzione giurata in inglese della patente italiana (rilasciata da un'agenzia di traduzioni).

A causa delle spese ospedaliere che negli USA sono rilevanti, prima di partire sarebbe opportuno stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche il rimpatrio aereo sanitario eventuale.
- Telefoni utili: Polizia/Ambulanza/Pompieri 911 (consultare per sicurezza l'elenco telefonico, poichè tale numero può essere diverso in taluni stati)
- Soccorso stradale: 800.222.4357
- Uffici Turistici: non esiste un ente governativo dedicato alla promozione del turismo negli Stati Uniti.

L'Economia

Nel quadro della ricca e variegata economia degli Stati Uniti, il settore più avanzato può essere a ragione definito il terziario. Piu' del 70% della ricchezza complessiva della nazione dipende da esso, e ben il 74% della popolazione vi trova occupazione. I trasporti (ferrovie, strade, aeroporti) sono sviluppatissimi, e creano a loro volta quel valore aggiunto propizio alla nascita e allo sviluppo di tutte le possibili attivita' commerciali. Da ricordare l'efficienza e la diffusione delle scuole private, dei servizi alle imprese (banche, assicurazioni, studi legali, marketing). Non trascurabile fonte di ricchezza è il turismo: ogni anno oltre 30 milioni di turisti visitano gli Stati Uniti. Il settore dove gli USA non hanno rivali al mondo è quello delle telecomunicazioni: tv satellitare e via cavo, Internet etc.

L'industria è storicamente strategica per gli States. Le ricche risorse minerarie hanno permesso fin dall'ottocento il travolgente sviluppo del settore, a partire dal nord-est del paese. Oggi l'industria americana detiene i primati nel campo informatico e dell'alta tecnologia, nell'elettronica, nella produzione di automobili, nella chimica e nel petrolio, nella ristorazione e nel cinema etc.

L'agricoltura, sebbene voce non più primaria dell'economia americana, mantiene la sua importanza soprattutto in alcuni settori come l'allevamento (Texas), grano (Minnesota, Dakota etc.), granturco (Indiana, Illinois etc.), tabacco, riso, canna da zucchero (stati del sud), orticultura, legname.

Da menzionare il commercio internazionale, che permette agli Stati Uniti di figurare ai primi posti mondiali nell'esportazione di materie prime, cotone, tabacco e prodotti tecnologici. Il commercio interno vede la presenza di grosse compagnie, proprietarie dei grandi centri commerciali, così diffusi in tutta la nazione.